CUORE
CUORE

Prezzo: 8,00 €

Acquista su:

Acquista su Amazon
Acquista su IBS.itAcquista sul Mondadori Bookstore
  • Titolo: CUORE
  • Codice EAN 13: 9788818030563
  • Autore: De Amicis Edmondo
  • Editore: Rusconi editore
  • Collana: Biblioteca ragazzi
  • N° Pagine: 256
  • Dimensioni (cm): 13,30 x 19,70
  • Peso (kg): 0,28
  • Rilegatura: Brossura con alette
  • Argomento: Classici
  • Cedola: 05/2020


Contenuto
Amore per la patria, impegno nello studio e nel lavoro, sacrificio, rispetto per i genitori, gli insegnanti e le autorità: questi
sono i valori che il libro Cuore difende strenuamente e ha
trasmesso a innumerevoli generazioni di ragazzi. Pubblicato
per la prima volta a Milano nel 1886, il romanzo si affermò
ben presto come il più celebre libro per ragazzi scritto in Italia
e uno dei più famosi al mondo, grazie alle traduzioni in moltissime lingue straniere. Quando il libro uscì, l’Italia si trovava
di fronte al titanico sforzo di diffondere su tutto il territorio
un’unica coscienza nazionale, realizzando inoltre un’unificazione linguistica e culturale che ancora mancava. Ecco che
Cuore, con le sue pagine accorate, va letto come ambizioso
tentativo di farsi catalizzatore di quel fondamentale processo.

Edmondo De Amicis, nato ad Oneglia, Imperia, nel 1846 da
famiglia benestante, dopo gli studi a Cuneo e a Torino entrò
a sedici anni nell’Accademia Militare di Modena, dove divenne ufficiale. Nel 1866 prese parte alla battaglia di Custoza
(Terza guerra d’indipendenza) e nel 1870 fu tra gli autori
della Breccia di Porta Pia. Dimessosi dall’esercito, si dedicò
all’attività di giornalista e, dopo aver molto viaggiato, redasse
una fortunata serie di volumi-reportages sui numerosi paesi
che aveva visitato. In seguito allo straordinario successo di
Cuore (1886) divenne lo scrittore più letto d’Italia e successivamente aderì al nascente Partito socialista (1891). Gli ultimi anni di De Amicis furono segnati da una serie di tragici
eventi: perse l’amatissima madre e il figlio maggiore Furio,
morto suicida. I rapporti con la moglie, già tesi, si inasprirono
ulteriormente. Lo scrittore morì infine a Bordighera nel 1908.