ANIMALE CHE DUNQUE SONO,L'
ANIMALE CHE DUNQUE SONO,L'

Prezzo: 14,90 €

Acquista su:

Acquista su Amazon
Acquista su IBS.itAcquista sul Mondadori Bookstore
  • Titolo: ANIMALE CHE DUNQUE SONO,L'
  • Codice EAN 13: 9788818036282
  • Autore: Derrida Jacques
  • Editore: Rusconi editore
  • Collana: Rusconi saggi
  • N° Pagine: 224
  • Dimensioni (cm): 14,00 x 21,00
  • Rilegatura: Brossura con alette
  • Argomento: Narrativa straniera
  • Cedola: 05/2020


Contenuto
L’animale con la sua diversità ci obbliga a ricordare le nostre
origini e a ricominciare ad essere uomini. Ma cosa significa
essere un essere umano? Cosa ci distingue dall’animale?
La storia del pensiero occidentale è percorsa da questa domanda potente e spesso censurata: è possibile stabilire un
confine fra uomo e animale? La risposta è racchiusa nel
termine logos, l’unione fra ragione e parola, che aggiunge
all’essere vivente umano quel qualcosa che lo trasforma in
«animale dotato di parola» e «animale razionale». In realtà
la differenza fra uomo e animale, concepita come verità inconfutabile, l’irragionevolezza dell’animale a confronto con
la ratio umana, è da secoli utilizzata dalla filosofia occidentale per giustificare e legittimare la prevaricazione, a volte
spietata, dell’uomo sull’animale.

Jacques Derrida nasce il 15 luglio 1930 a El Biar, nei pressi
di Algeri. Ha insegnato prevalentemente a Parigi e negli
Stati Uniti e ha ottenuto lauree e dottorati honoris causa
in molte Università presenti nel mondo. Riconosciuto come
uno dei maggiori filosofi del nostro tempo, ha prodotto lavori che sono stati tradotti in una decina di lingue e che
sono stati oggetto di convegni e incontri in Francia, Italia, Germania, Inghilterra, Canada, Stati Uniti e Giappone.
Tra le sue opere principali, ricordiamo: La farmacia di Platone (1985/2007); Introduzione a “L’origine della geometria”
di Husserl (1987); La disseminazione (1989); Il problema
della genesi nella filosofia di Husserl (1992); Memorie per
Paul de Man (1995); La voce e il fenomeno (1997/2001);
Il segreto del nome (1997/2005); Della Grammatologia
(1998/2006); Addio a Emmanuel Lévinas (1998/2007); Paraggi. Studi su Maurice Blanchot (2000); Donare la morte
(2002/2003); Economimesis. Politiche del bello (2005);
Ogni volta unica, la fine del mondo (2005); L’animale che
dunque sono (2006) e Psyché: vol.1: Invenzioni dell’altro
(2008) Muore a Parigi il 9 ottobre 2004.